Barber shop

Una delle tante cose che cambia da seduti, è il modo di farsi la barba. Provateci! A mezzo metro dal lavandino, vi troverete inevitabilmente tutti i peli addosso.

Per cercare di risolvere il problema, anche se con scarsi risultati, utilizzavo un telo da parrucchiere. Essendo molto scivoloso e piccolo, spesso cadeva per terra insieme a tutta la barba tagliata.

Deciso a risolvere il problema, ho fatto ricerche più approfondite. Ricordavo di aver visto un telo lungo con le ventose da attaccare allo specchio ma, in questi casi, il problema è sempre “indovinare” il nome di ciò che si cerca.

Ed eccolo qui! Agganciato al bordo del lavandino anziché allo specchio, mi copre completamente. Il collaudo è stato un successo!

Ancora una volta, è bastato un po’ di ingegno per migliorare la vita. 😉

#sonoabilediversamente #diversamenteabile #disabili #disabile #disability #disabled #handicap #handicapper #carrozzina #wheelchairlife #wheelchair #sediaarotelle #sclerosimultipla #multiplesclerosis #ms #sm #msfighter #thisisms #spoonie #lifegoesonwheels #nonmifermomai #vitaquotidiana #spoonielife #mslife #maiabbattersi #nevergiveup #barba

Beviamoci su

Quando la mobilità è ridotta, entra in gioco l’organizzazione. Dato che fare avanti e indietro per un solo bicchier d’acqua è faticoso, cosa c’è di più semplice del tenere delle bottiglie a portata di mano?

La scelta però, nel mio caso, cade su quelle da mezzo litro, perché più leggere e maneggevoli. Il tappo, poi, deve essere di quelli alti, “vecchio modello”, se no non riesco a svitarlo.

Già che ci siamo, vogliamo considerare anche l’impatto ambientale delle bottiglie usa e getta? Per non parlare del cattivo odore, già dal secondo utilizzo.

Ho fatto qualche prova e ricerca. Cannuccia? Plastica? Chiusura ermetica? Tappo a vite? Tra centinaia di possibilità, che vanno bene per altrettante necessità, ho scelto una borraccia “sportiva”!

Certo, per sostituire tutte le bottiglie mi ci vorrà un mutuo, ma almeno evito di fare il gioco delle tre carte travasando, aprendo e chiudendo, senza dover chiedere aiuto ad altri per farlo. In questo modo, posso gestire tutto in ogni situazione e, se serve, con una mano sola.

Per finire, non è meglio un ripiano pieno di borracce colorate, invece di un mucchio di bottiglie trasparenti ed un po’ ammaccate?!? 😉

#sonoabilediversamente #diversamenteabile #disabili #disabile #disability #disabled #handicap #handicapper #carrozzina #wheelchairlife #wheelchair #sediaarotelle #sclerosimultipla #multiplesclerosis #ms #sm #msfighter #thisisms #spoonie #lifegoesonwheels #nonmifermomai #vitaquotidiana #spoonielife #mslife #noncifacciamomancarenulla #noncifacciamomancareniente #maiabbattersi #nevergiveup #bottiglia #borraccia

(In)dipendenza

Ho fatto scadere la patente. Rinnovarla ogni anno, o addirittura sei mesi, è un supplizio. Ogni volta una spesa ed una fatica esagerate.

Tra visite mediche, bollettini postali, documenti da preparare, l’ansia la fa da padrone. A questo si aggiunge un costo decuplicato per noi disabili, oltre alle normali spese di gestione della macchina, anch’esse maggiorate, considerando ruote invernali e manutenzione degli adattamenti.

Quest’anno, a causa di un, sembra, interminabile susseguirsi di febbre ed acciacchi vari, sono uscito tre volte. In pratica, suddividendo i costi di gestione, una pizza con gli amici mi è costata 300 euro, solo per poterci andare da solo.

Ma il problema vero, è la fatica che faccio per essere “indipendente”. Ma indipendente da cosa? Alla fine dei giochi, mi sento solo schiavo delle scadenze e dell’auto stessa, nonostante tutto quello che rappresenta.

Ma, guardandola da un altro punto di vista, l’indipendenza non è forse la possibilità di fare le cose, senza essere “legati”? Ed allora, perché devo essere legato all’auto, per essere slegato da altre cose? Vista in modo semplicistico, è una contraddizione!

È giunta l’ora di un altro cambiamento radicale nella mia vita. Dopo aver rinunciato alla moto, all’uso delle gambe ecc, rinuncerò anche all’auto. Mi fa arrabbiare, però, sapere che, stavolta, il motivo è solo in parte la mia patologia.

Certo, mi mancherà la possibilità di dire “ti passo a prendere”, ma l’ho fatto per anni, credo sia arrivato il mio turno per essere “scarrozzato”. Pensandoci bene, solo la mia ex moglie aveva la macchina. Tutte le altre “storie”, mi hanno sempre visto nella parte del guidatore. Ora basta!

Ci scherzo su, come al solito. So che è un dato di fatto e so l’importanza della scelta che ho fatto. Ma la vita non si ferma e non sarò di certo io a tentare di “fermare” la mia, cercando di tenere insieme qualcosa di irrimediabilmente rotto. Anche se sembra un controsenso.

Mi libererò di un peso e potrò concentrarmi sulla nuova carrozzina, sia mentalmente che economicamente. Nessuno mi vieta, un domani, di riprendere patente ed automobile.

Non molto tempo fa, per provare una App di fotoritocco, ho anticato una mia foto di fine 2006. Ancora stavo in piedi, con la stampella, accanto alla macchina appena comprata. Sarà stato un segno del destino… 🙂

#sonoabilediversamente #diversamenteabile #disabili #disabile #disability #disabled #handicap #handicapper #carrozzina #wheelchairlife #wheelchair #sediaarotelle #sclerosimultipla #multiplesclerosis #ms #sm #msfighter #thisisms #spoonie #lifegoesonwheels #nonmifermomai #vitaquotidiana #spoonielife #mslife #noncifacciamomancarenulla #noncifacciamomancareniente #maiabbattersi #nevergiveup #patente

L’anello mancante

Mi sono sempre piaciuti anelli e bracciali. Forse un retaggio delle mie vite passate (per chi ci crede). Ad ognuno ho sempre associato un ricordo, un significato, un monito. Più che ornamenti, servono per ricordare ed affermare ciò che sono.

Purtroppo però, la progressiva immobilità datami dalla sclerosi, mi ha regalato un gonfiore che mi ha costretto ad eliminare un po’ di “ferraglia”. Da tempo, troppo, collo e mani sono “nudi”.

Ma un mago come me, può non averne?!? Mi sono regalato un ciondolo, o per meglio dire un amuleto, con un forte significato. Magia o meno, servirà a ricordarmi di combattere, soprattutto per proteggere me stesso.

Per quanto riguarda gli anelli, me ne entrano solo un paio, di quelli vecchi. Ho sempre paura di metterli e non riuscire più a sfilarli. Ne ho già trovati altri, più grandi ed aperti. Quelli chiusi, invece, posso sempre farli tagliare. Un po’ di gonfiore, a causa del caldo o dell’umidità, è sempre dietro l’angolo.

La disabilità non è sinonimo di privazione. Se ci piace qualcosa, perché non gustarcela? Come al solito, cerco piccole e banali soluzioni per non “inaridire” la vita. E poi così sono ancora più stregone! 😉

#sonoabilediversamente #diversamenteabile #disabili #disabile #disability #disabled #handicap #handicapper #carrozzina #wheelchairlife #wheelchair #sediaarotelle #sclerosimultipla #multiplesclerosis #ms #sm #msfighter #thisisms #spoonie #lifegoesonwheels #nonmifermomai #vitaquotidiana #spoonielife #mslife #noncifacciamomancarenulla #noncifacciamomancareniente #maiabbattersi #nevergiveup #anelli #rings